Chirurgia

robot veterinaria chirurgia

La robotica entra lentamente a far parte della medicina veterinaria

La medicina ha fatto progressi da gigante nella robotica, sia nel campo della chirurgia, dell’ortopedia che delle protesi. Pensiamo solo ad arti robot, che sono in grado di rispondere agli impulsi del cervello. Tuttavia, in medicina veterinaria questo risulta ancora un terreno quasi inesplorato, eppure negli ultimi anni il mercato delle protesi per cani è gatti è cresciuto esponenzialmente. I primi passi in tal senso sono stati fatti solo in ambito chirurgico dei tessuti molli; Nel 2015 è stato utilizzato per la

brachicefalia, cani

SINDROME BRACHICEFALICA

Nel cane le vie aeree superiori costituiscono circa il 50-70% delle resistenze dell’apparato respiratorio; nelle razze brachicefale (bulldog inglese e boulldogue francese, carlino, boxer, cavalier kcs, shar pei ecc) questo valore può aumentare in maniera drammatica a causa di alcune caratteristiche anatomiche– narici stenotiche– palato molle lungo– trachea ipoplasica Le ossa craniche dei brachicefali sono più corte e larghe rispetto alle razze dolicocefale ma a questa caratteristica non corrisponde un’adeguata proporzione dei tessuti molli (soprattutto il palato) che quindi causano un

mielopatia degenerativa, ortopedia cane, ortopedia veterinaria

Mielopatia degenerativa, serve ricerca

La mielopatia degenerativa (DM) è una malattia che colpisce i cani sia di grossa che di piccola taglia, le razze più predisposte sono il pastore tedesco, il carlino, il siberian husky, welsh corgi, kerry blue terrier, barboncino, Hovawart, Ridgeback e Soaft-Coated, Boxer, Fox Terrier. Purtroppo non esiste ancora una cura effettiva per la mielopatia degenerativa, sebbene siano stati identificati i geni che codificano la patologia. La malattia è di carattere neurologico e interessa il midollo spinale. Gli stimoli nervosi che

cane artrosi ortopedia cani

Artrosi nel Cane: cosa fare!

In genere l’artrosi è una patologia ortopedica riscontrabile più facilmente nei cani di tutte le età e nei gatti anziani. Come sempre il miglior modo per combattere questo tipo di affezione è la prevenzione. E’ consigliabile una visita ortopedica quando il cane è ancora cucciolo, durante i primi 3-4 mesi di vita, in modo da poter valutare in anticipo strategie chirurgiche per ridurre e minimizzare i rischi. Anche normali problemi articolari nel tempo possono portare a forme d’artrosi. L’artrosi è

protesi cane, neuroprotesi, ortopedia veterinaria

le protesi del futuro, come la tecnologia potrebbe migliorare la vita dei nostri animali

Come le protesi del futuro potranno cambiare la vita dei nostri animali? Ci vorrà ancora un po’ di tempo, ma oramai risulta difficile riuscire a correre dietro all’evoluzione tecnologica in continua crescita. Solo da qualche anno si è iniziata a sperimentare la terapia con cellule staminali mesenchimali e non ci vorrà molto perché le protesi umane bioniche quelle in grado di rispondere agli stimoli del cervello e ai recettori nervosi, possano presto essere disponibili anche per gli animali.In tal caso parliamo di

staminali chirurgia ortopedia veterinaria

OrthoVetHealth: Cellule staminali utilizzate anche in medicina veterinaria

Da qualche anno le cellule staminali vengono utilizzate anche in medicina veterinaria, specialmente nel campo dell’ortopedia se ne fa uso, per lesioni di tipo muscolare e articolare.Nei cani e nei gatti vengono utilizzate prevalentemente per prevenire problemi legati all’articolazione dell’anca e del ginocchio, artrosi, artriti, degenerazione tissutale. L’inoculazione delle cellule staminali è una terapia rigenerativa; Le cellule hanno la capacità di autorinnovarsi e autorigenerarsi riducendo dolori, infiammazioni e difficoltà di movimento. Esse vengono ricavate da un prelievo del tessuto adiposo dell’animale stesso (in questo caso si parla di terapia autologa), oppure dal tessuto di un donatore sano diverso dal ricevente (in

cooper labrador - protesi - duplice osteotomia pelvica - fcp

Cooper corre felice, dopo una serie di interventi

Cooper è un labrador di tre anni che ha subito diversi interventi chirurgici legati all’ortopedia. Operato di protesti d’anca a sinistra, dpo (duplice osteotomia pelvica) a destra e fcp (frammentazione del processo coronoideo) sull’anteriore sinistro per per incongruità articolare del gomito. ora grazie al Dott Veterinario Chirurgo e Ortopedico Claudio Vianzone scorrazza libero intorno all’ambulatorio Veterinario Raimondetti Cassardo di Trofarello.

schnauzer, genetica, occhi

La genetica ha trovato una cura per sradicare i problemi di cecità negli Schanuzer Giganti

Alcune razze canine sono più predisposte a problemi di tipo genetico. Gli Schnauzer Giganti per esempio hanno gli occhi molto delicati e possono essere maggiormente affetti da cataratta, glaucoma, displasia della retina arrivando a una progressiva atrofia della stessa. (PRA). E’ di questi giorni la notizia che alcuni veterinari cooperando con alcuni scienziati, presso la Animal Health Trust (AHT), siano riusciti a sviluppare un test del DNA per sradicare la malattia all’interno della razza prima che questa si

post intervento chirurgico, gatto, cane, ortopedia

Come gestire l’animale dopo l’intervento chirurgico

Ci sono alcuni consigli che il medico veterinario vi da, dopo che il vostro cane o il vostro gatto, hanno subito un intervento chirurgico: -E’ necessario per il gatto avere sempre a disposizione il trasportino. La macchina è il mezzo di trasporto di ideale sia per il cane che per il gatto, poiché si evitano movimenti improvvisi. -Isolate l’animale durante la notte all’interno di una stanza, eventuali finestre o balconi devono essere sigillate. Evitate di farlo venire a contatto con altri suoi

sterlizzazione, chirurgia, veterinaria

Quando sterilizzare un cane e perché

La parola sterilizzazione si riferisce a soggetti di sesso femminile. Pertanto nel caso in cui non abbiate intenzione di ritrovarvi con dei cuccioli in casa, è necessario sottoporre il vostro cane alla sterilizzazione chirurgica.Dopo diverse volte che va in calore, senza il riscontro di gravidanza, vi é il rischio che nella femmina del cane si sviluppino patologie a carico dell’apparato riproduttore e delle mammelle: neoplasie, formazioni cistiche nelle ovaie o infezioni. Questo può avvenire più frequentemente dopo il terzo calore.

×

Ciao!

Se hai difficoltà a scriverci da pc, puoi entrare da dispositivi mobili, oppure installare whatsapp dekstop. In alternativa scrivi un email a orthovethealth@mail.com

× Come possiamo aiutarti? Scrivi sulla chat