processionaria

La formica rufa, il predatore naturale della processionaria, è a rischio scomparsa

Considerata tra le specie protette come categoria “quasi a rischio” nella lista rossa IUCN, la formica rufa, presente sulle Alpi è stata anche introdotta in alcuni parchi come soggetto finalizzato alla lotta biologica. Viene chiamata anche formica rossa, o formica dei boschi. Estremamente efficace contro i parassiti delle piante, sopratutto afidi e cocciniglie, la formica rufa paralizza le sue prede con un veleno: l’acido formico, con il quale allontana anche i predatori. Si tratta di una specie molto aggressiva in grado

Processionaria: verso fine febbraio inizia il pericolo per i cani

La processionaria (Thaumetopoea pityocampa) è un bruco all’apparenza innocuo che nidifica sugli alberi (principalmente pini e querce). Questi bruchi in primavera si spostano in fila da un albero all’altro, camminando sui tronchi e sul sul suolo formando vere e proprie “processioni”. Apparentemente inoffensive le processionarie possono essere pericolose per l’uomo e addirittura letali per gli animali. processionaria, cani, animali, veterinario Questi lepidotteri sono dotati di peli urticanti che vengono rilasciati nell’aria e che, grazie alla loro forma uncinata, si agganciano facilmente alla vittima provocando

1
Ciao, come possiamo esserti utili?
Powered by